venerdì 1 giugno 2007

Giochino linguistico




















E io con amor amato piango lacrime contrite.
Ammansire voluttuosi particolari,
costringersi,
pavoneggiarsi,
arrampicazione speranzosissima,
donchisciottesca...

Questo è un giochino linguistico. Scrivere una frase di senso compiuto, anche una poesia, usando parole che vanno da una lettera fino ad un massimo di 26 (la lingua italiana non ha parole più lunghe di 26 lettere). La prima parola è di una lettera, in questo caso una congiunzione, poi di due, poi tre e così fin dove si riesce ad arrivare. Io sono arrivato a 16 parole (donchiosciottesca è di 16 lettere), vi sfido a scrivere una frase con 17 o più parole.

4 commenti:

sabrina ha detto...

e tu sei pazzo lasciandomi stupidamente precipitevolissimevolmente

Anonimo ha detto...

Ma non è così il gioco, la prima parola deve essere di una lettera, la seconda di due, la terza di tre, poi quattro, cinque...bisogna mantenere l'ordine, hai sbagliato!

Anonimo ha detto...

O ti amo? Solo sette giorni: ricordo mansueto, contratto tormentato...rimembrerai:cavernicoli ripensamenti, agghiaccianti!Maledettamente, possessivamente strumentalizzati. Come vedi mi piace cogliere al volo le tue sfide...e vincerle!

Anonimo ha detto...

Brava, la vera sfida però l'avresti dovuta fare col tempo, il gioco è farlo in 5 o 10 minuti, non in tre giorni.
Comunque brava